Giocare fa bene, non solo all’uomo ma anche al gatto!

Il gioco consente al gatto di crescere e di apprendere ogni volta nozioni e abilità da utilizzare per risolvere problemi. Inoltre il gioco ha un ruolo benefico all’interno del sistema familiare perché migliora la relazione tra pet e proprietario, rendendola più salda.

giocare fa bene al gatto

È importante giocare con il gatto sin da quando è piccolo. Tramite il gioco, il pet potrà apprendere nuove cose: a cacciare, a controllare i propri movimenti e a conoscere le proprie abilità.

Il gioco consente all’animale di crescere e apprendere

Giocare fa bene, non solo per l’uomo ma anche per il pet. Infatti, durante il gioco emergono emozioni positive, fluidità dei gesti, complicità e collaborazione.

Non a caso, già per gli antichi, il gioco rappresentava un utile strumento per il corpo per fortificare lo spirito e per sviluppare capacità logiche e mnemoniche.

Il gioco ha un valore pedagogico rilevante.

Il gioco non va mai considerato come uno sfizio fine a sé stesso: l’attività ludica ha infatti un ruolo educativo essenziale, perché consente all’animale di crescere e di apprendere ogni volta nozioni e abilità da utilizzare per risolvere problemi.

Inoltre il gioco ha un ruolo benefico all’interno del sistema familiare, perché facilita le relazioni, rendendole più salde.

Importante giocare con il gatto

È importante giocare con il gatto sin da quando è piccolo. Il gioco migliora la relazione tra pet e proprietario e consente di correggere eventuali suoi comportamenti indesiderati.

Durante l’attività ludica, il gattino ha la anche possibilità di imparare diverse parole e di creare una relazione stretta con il suo proprietario.

Creare un ambiente pieno di giochi per il gatto

Ricreare un ambiente stimolante è assolutamente necessario per garantire il benessere psico-fisico del gatto.

È consigliabile dedicare uno spazio della casa all’attività ludica del felino: l’ideale sarebbe una stanza luminosa come una veranda, possibilmente distante da rumori fastidiosi.

Sarebbe importante per consentire al pet di fare attività fisica collocare in questa area giochi un grande albero dove il gatto possa arrampicarsi, scalare e saltare.

I giochi con nastri e finte prede in movimento, e le palline sono i preferiti dal pet.

Utile anche una fontana da cui sgorga acqua, tunnel e scatole di cartone in cui può nascondersi.

Sono assolutamente da evitare gomitoli di lana e oggetti pungenti che potrebbero essere pericolosi per l’animale.

Se il gatto dovesse ingerire un pezzo di giocattolo, soprattutto un filo, una cordicella o comunque un corpo estraneo lineare, è importante rivolgersi al proprio medico veterinario di fiducia!

Tratto da: “Il ruolo del gioco nella vita del gatto” di Irene Cassi – La Settimana Veterinaria