Tagliano le orecchie dei loro cani per ‘fini estetici’: 6 mesi di reclusione

    0
    orecchie cani

    Sei mesi di reclusione la condanna per due proprietari per aver tagliato le orecchie dei loro cani per ‘fini estetici’.

    A questo si è aggiunta l’aggravante di aver prodotto falsa documentazione per attestarne la necessità a fini sanitari.

    La denuncia del fatto da parte delle guardie zoofile dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) di Roma risale al 2018.

    Ora è arrivata la condanna a sei mesi di reclusione per maltrattamento e falso per i proprietari di due proprieteri di American Bully, che avevano fatto tagliare le orecchie ai propri cani per “motivi estetici”.

    La denuncia era partita dopo i controlli svolti durante una manifestazione cinofila che svolta a Roma.

    I controllo rientravano nell’ambito dell’operazione ‘Dirty Beauty‘ (Bellezza sporca) condotta dagli agenti dell’Oipa della Capitale.

    Il tribunale di Torino, città dove al’epoca dei fatti i due risiedevano ha emesso la sentenza.

    “La condanna a un anno di reclusione è stata ridotta a sei mesi per il patteggiamento dei due condannati“, si spiega in una nota.