Roma: denunciato perché segnalava finti maltrattamenti per sequestrare animali rari.

    maltrattamento animali

    L’uomo fingeva “soffiate” su presunti maltrattamenti, per poi avere l’affidamento degli animali

    Segnalava finti maltrattamenti su animali, dicendosi poi disponibile, spesso spacciandosi per un ufficiale di polizia giudiziaria, a tenere i preziosi animali.

    Quello architettato dall’uomo era un sistema collaudato, fatto di regolari “soffiate” alle forze dell’ordine su presunti maltrattamenti di animali, quindi la proposta di collaborare alle operazioni come guardia zoofila, con l’intervento di veterinari “privati” in luogo di quelli della ASL e spesso anche le telecamere di note trasmissioni televisive ad esaltarne le gesta.

    Il tutto solo per sequestrare animali di valore che riusciva puntualmente a farsi affidare.

    Già in passato diverse Procure in tutta Italia avevano iniziato ad accendere i fari sulle operazioni dell’uomo, che firmava verbali qualificandosi impropriamente ufficiale di polizia giudiziaria e che rendeva irreperibile i preziosi animali dallo stesso “sequestrati” agli allevamenti.

    Continua su Affaritaliani.it