Sciacca: strage di cani e la protezione animali insorge

    0
    O tu da noi o noi da te

    I volontari delle Sezioni Enpa di Catania e Adrano (Catania), in collaborazione con la Sezione di Agrigento, sono intervenuti a Sciacca, nel luogo dove una trentina di cani randagi sono morti per avvelenamento.

    Secondo la normativa, infatti, il sindaco non solo è responsabile per i randagi e gli altri animali vaganti sul suo territorio. «Chiediamo alle autorità e alle istituzioni di intervenire con la massima urgenza, ciascuna per le proprie competenze” afferma Carla Rocchi, presidente nazionale di Enpa.

    Continua su quotidiano.net