Le vitamine hanno un ruolo nella salute della cute animale

salute della cute

La salute della cute dipende anche dall’apporto nutrizionale e vitaminico. Tuttavia le ripercussioni delle carenze vitaminiche croniche sono spesso scarsamente percepite dai proprietari.

VITAMINE E SALUTE DELLA CUTE

Vediamo quali sono le vitamine che hanno un ruolo nella salute della cute dei nostri animali.

La vitamina A gioca un ruolo nella cheratinizzazione, la produzione di sebo e la seborrea, in sinergia con lo zinco. Il gatto può utilizzare solo la forma animale della vitamina A.

Attenzione, gli eccessi di vitamina A sono responsabili della spondilartrite anchilosante: l’utilizzo dell’olio di fegato di merluzzo come fonte di omega 3 è troppo ricco di vitamina A.

Per ora, le ricerche sulla vitamina D non hanno dato frutti quanto ai suoi effetti sulla cute; il sole non permette la sintesi di vitamina D nel gatto o nel cane, e quindi è appropriato usare la forma animale.

La vitamina E ha un’attività antiossidante; di solito non ci sono carenze alimentari, ma un contributo aggiuntivo migliora la qualità della cute.

I fabbisogni in vitamina E devono essere collegati al tenore in acidi grassi polinsaturi nell’alimentazione: più ve ne sono, più ci deve essere vitamina E.

Le vitamine del gruppo B svolgono un ruolo da coenzima per alcuni enzimi cellulari e intervengono nel metabolismo degli acidi grassi essenziali.

Esse sono fornite dall’alimentazione e dalla flora digestiva e le carenze sono eccezionali.

La carenza di vitamina B2 (riboflavina) può indurre xerosi cutanea e cheilite.

La deficienza in vitamina B3 (niacina o vitamina PP), causata da un’alimentazione povera in nutrienti di origine animale, causa una dermatite pruriginosa accompagnata da ulcere delle mucose.

La vitamina B5 agisce con la vitamina B3 nella sintesi dei lipidi cutanei e limita la disidratazione dell’epidermide.

La vitamina B8 (biotina o vitamina H) è carente negli animali nutriti con bianchi d’uovo crudi, e la sua carenza causa eritema, alopecia della faccia, squamosi, leucotrichia, un mantello opaco e fragile e desquamazione.

CONDIVIDI